DIRETTIVA PED E D.M. 329/2004 – Allegato VII D.Lgs.81/08

La Direttiva 97/23/CE (PED) sulle attrezzature in pressione è sostituita dalla nuova Direttiva 2014/68/UE allineata al nuovo scenario legislativo europeo.

Schema normativa del settore:

  • FASE DI COSTRUZIONE O MODIFICA a cui si riferiscono le Direttive 2014/68/UE (PED) e 2014/29/UE (SPV).
  • FASE DI MESSA IN SERVIZIO, UTILIZZO E RIPARAZIONE a cui si riferisce il D.M. 329/2004 ed il D.Lgs 81/2008 e smi;

Le attrezzature in pressione vengono classificate dalla Direttiva PED, in base alla loro tipologia (recipiente, tubazione, generatore di vapore) e alla pericolosità del fluido contenuto, in quattro categorie, dalla I alla IV, caratterizzate da gradi di rischio diversi e crescenti in base ai seguenti parametri:

  • Pressione Massima Ammissibile (PS);
  • Temperatura Massima Ammissibile (TS);
  • Volume (V);
  • Diametro Nominale (DN) (per le tubazioni).

 

Il D.M. 329/2004 prevede un iter di denuncia e controllo delle apparecchiature in pressione nella sua globalità, partendo dalla verifica di messa in servizio, proseguendo con la dichiarazione o Denuncia di messa in servizio per arrivare alle verifiche periodiche; infine vengono contemplate le riparazioni e modifiche delle attrezzature a seconda delle categorie.

È obbligatorio per l’utente che ha installato un’attrezzatura, una tubazione o un insieme a pressione rientrante nel campo di applicazione della normativa, dichiararne la messa in servizio prima del loro utilizzo (art.6 DM 329/04). Tale dichiarazione deve essere comunicata all’INAIL territorialmente competente mediante l’apposito portale CIVA.

 

Rivolgiti ad ECO Next e al suo team di professionisti per DIRETTIVA PED E D.M. 329/2004, abbiamo la soluzione giusta per voi! Scrivici su direttivaped@econext.it

 

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?

Contattaci

Contatta la sede legale di Eco Next, compila il form e inviaci la tua richiesta.