BENI STRUMENTALI “NUOVA SABATINI”

La misura Beni strumentali "Nuova Sabatini", (D.L 69/2013, art. 12, convertito con modificazioni dalla L. 98/2013), è l’agevolazione messa a disposizione dal MISE per facilitare l’accesso al credito delle imprese e accrescere la competitività del sistema produttivo del Paese. La Legge di Bilancio 2020 prevede il rifinanziamento dell’agevolazione per complessivi 540 milioni di euro nel periodo 2020-2025.

A chi si rivolge

Micro, piccole e medie imprese (PMI) che alla data di presentazione della domanda:

  • sono regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle imprese o nel Registro delle imprese di pesca;
  • sono nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non sono in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali;
  • non rientrano tra i soggetti che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti considerati illegali o incompatibili dalla Commissione Europea;
  • non si trovano in condizioni tali da risultare imprese in difficoltà;
  • hanno sede in uno Stato Membro purché provvedano all’apertura di una sede operativa in Italia entro il termine previsto per l’ultimazione dell’investimento.

Sono ammessi tutti i settori produttivi, inclusi agricoltura e pesca, ad eccezione dei seguenti:

  • attività finanziarie e assicurative;
  • attività connesse all’esportazione e per gli interventi subordinati all’impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti di importazione.

La disciplina agevolativa è stata estesa anche alle micro, piccole e medie imprese, costituite in forma societaria, impegnate in processi di capitalizzazione, che intendano realizzare un programma di investimento (articolo 21 D.L. 34/2019 – Decreto Crescita).

Tipologie interventi

L’investimento si può inquadrare in una delle seguenti tipologie:

  • Installazione di un nuovo stabilimento;
  • Ampliamento di uno stabilimento esistente;
  • Diversificazione della produzione di uno stabilimento mediante prodotti nuovi aggiuntivi;
  • Trasformazione radicale del processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente;
  • Acquisizione di attivi di uno stabilimento se: lo stabilimento è stato chiuso/sarebbe stato; acquistati da terzi che non hanno relazioni con l’acquirente; operazione a condizioni di mercato.

Agevolazione

  • Finanziamento agevolato da parte di banche e intermediari convenzionati, anche a copertura totale dell’investimento;
  • Un contributo ministeriale in conto impianti il cui ammontare è determinato in misura pari al valore degli interessi calcolati, su un finanziamento della durata di cinque anni e di importo uguale all’investimento, a tassi d’interesse annui assunti in via convenzionale (vedi tabella seguente);
  • Eventuale garanzia del “Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese” fino all’80% dell’ammontare del finanziamento purché di durata non superiore a 5 anni, di importo compreso tra 20.000 euro e 4 milioni di euro, interamente utilizzato per coprire gli investimenti ammissibili, concessa a titolo gratuito, nel rispetto delle regole di cumulo e delle intensità massime previste dalla normativa dell’Unione europea in materia di aiuti di Stato.

Cosa facciamo

  • Assistiamo le Imprese per la predisposizione della domanda e per la gestione dell’agevolazione “Nuova Sabatini-Beni Strumentali” e in tutte le successive fasi di rendicontazione.
  • Assistiamo le PMI con sede in Italia con un servizio in grado di gestire tutte le fasi, dalla verifica di fattibilità preliminare, alla domanda, alla rendicontazione finale dell’investimento e alle successive richieste di erogazione del contributo, oltre all’invio di comunicazioni di variazione come richiesto dalla normativa.

Vuoi maggiori informazioni: finanzaagevolata@econext.devsite.it

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?

Contattaci

Contatta la sede legale di Eco Next, compila il form e inviaci la tua richiesta.